Home > Recensioni > Roberta Alloisio: Janua
  • Roberta Alloisio: Janua

    Roberta Alloisio

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Voce de Zena

Debuttò sul palco dell’Ariston nel 1977 in occasione del Premio Tenco; trentaquattro anni dopo – e con un po’ di gavetta alle spalle – riecco tra noi Roberta Alloisio.
Vistosamente attiva sulla scena italiana, l’artista dedica il proprio lavoro alla città natale, Genova, ricordata col suo nome dialettale.

Il disco, nello specifico, si compone di tredici brani misti a poesia, dove le figure della realtà quotidiana si proiettano su sfondi onirici e a dir poco idilliaci. In aiuto a chi il genovese non lo mastica bene vanno le traduzioni delle liriche contenute nel libretto, tutte abbinate ad arrangiamenti prettamente tradizionali.
Pianoforte, violino, contrabbasso, flauti, fisarmonica, violoncello e molti altri sono gli strumenti che di fatto concretizzano la leggerezza delle parole.

Chi ha amato il cantautorato di Fabrizio de André, specialmente nel suo periodo più legato alle costumanze della terra ligure, apprezzerà senza dubbio questo album, in cui oltre all’espressività e alla capacità di comunicare è possibile toccare con mano il talento di Roberta medesima.
Non fermatevi al primo ascolto: bisogna spremersi un po’ per comprendere a fondo.

Pro

Contro

Scroll To Top