Home > Recensioni > Rodolfo: Lola
  • Rodolfo: Lola

    Rodolfo

    Loudvision:
    Lettori:

Come raccontare la notte

Un ambizioso progetto in tre parti dedicato alla notte: “Lola”, composto da quattro brani, è la seconda parte di questo concept album di Rodolfo Montuoro. Le canzoni affrontano temi diversi fra loro, ma tutte hanno un comune denominatore: la notte, con la sua magia e i sentimenti che è capace di suscitare.

Rodolfo affronta anche temi letterari ‘alti’: “Incantamento” è infatti il sonetto di Dante “Guido, i’vorrei che tu, Lapo ed io”, mentre “Labyrinth” è una rivisitazione del mito di Arianna. Ma non è la prima volta che Rodolfo affronta temi di questo tipo. Nel 2006, con “A-Vision”, ci parlava di Ulisse, con l’album “Hannibal” di Amore e Psiche.

Ottimo l’uso della musica: non prevale sulla voce, ma la sottolinea accompagnandola dolcemente. Lo stesso all’inverso, perché l’amalgama delle due crea atmosfere magnetiche e sognanti. Lo si può sentire in “Incantamento”, dove le chitarre e la batteria creano un suono quasi ipnotico.
Rodolfo ha una voce profonda, che ricorda quella di Battiato, al cui stile probabilmente si ispira. Notevole anche “Labyrinth”, continua evocatrice di immagini oniriche.

Pro

Contro

Scroll To Top