Home > Recensioni > Roipnol Witch: Once Upon A Time
  • Roipnol Witch: Once Upon A Time

    Roipnol Witch

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Tremate tremate le streghe son tornate

Prendete tre ragazze emiliane tutto pepe e dallo spirito riot, aggiungete pizzi, merletti, tacchi a spillo e una buona dose di creatività. Unite un infiltrato speciale, un unico componente maschile ad equilibrare il tutto. Mescolate con cautela e quel che ne uscirà sarà una band scoppiettante, graffiante e liberamente ispirata al rock alternative e al grunge al femminile di band come le Hole.

Masterizzato agli Abbey Road Studios di Londra da Sean Magee e pubblicato da Duchess Records, “Once Upon A Time” vanta collaborazioni d’eccezione come quella con Livio Magnini (Bluvertigo) e Matteo Cifelli ed è caratterizzato da un sound graffiante ricco di sfumature.

I testi, scritti dalle due sorelle/cantanti, spaziano molto e abbracciano temi legati alle esperienze intime e personali, ma anche denunce sociali della condizione della donna.

L’intento della band è di voler rilanciare il rock italiano al femminile e ce ne sarebbe davvero bisogno! Fiaba, introspezione e denuncia femminista convivono in queste tredici tracce che alternano ballate più melodiche a pezzi grezzi e ricchi di distorsioni. Una band promettente, di cui sarà interessante seguire gli sviluppi.

Pro

Contro

Scroll To Top