Home > Recensioni > Roma 2015 – Grandma

L’adolescente Sage (Julia Garner) è rimasta incinta del suo fidanzato Cam; vuole abortire, ma le servono 600 dollari che Cam di punto in bianco le nega. Sage si rivolge alla nonna Elle (Lily Tomlin), poetessa dalla fama ormai passata che dopo la morte della compagna Vi è rimasta sola e al verde.

Ma Elle ha ancora qualche credito da esigere da vecchie conoscenze, perciò rispolvera l’auto d’epoca della sua vecchia compagna, e con la nipote partono alla riscossa. Il tutto è tenuto nascosto alla madre di Sage, Judy (Marcia Gay Harden), donna in carriera che il lavoro tiene lontana dalla madre e dalla figlia, verso le quali è comunque severa quanto con i suoi dipendenti.

Paul Weitz (il regista di “American Pie” e “About a Boy – Un ragazzo”) è alla Festa del Cinema di Roma 2015 per presentare il suo nuovo film, che sin dalla sua anteprima al Sundance Film Festival ha fatto parlare di sé e ha ipotecato una nomination all’Oscar per la sua protagonista Lily Tomlin.

Il personaggio di Elle è esilarante, merito di una scrittura che comunque si è ispirata alla vita dell’attrice, come ci ha raccontato il regista in conferenza stampa. Oltre alle risate, Elle porta sulla pelle e nelle sue parole i segni di tante lotte che ai giorni nostri si possono considerare (quasi) vinte: dall’aborto, a una vita di coppia lesbica, alla morte della compagna che ha rifiutato le cure a oltranza. Eppure il personaggio della nipote, che è ancora giovane e non è omosessuale, sembra avviato a affrontare lotte simili, a partire proprio dall’aborto e dall’impossibilità di praticarlo serenamente (per ragioni economiche, per l’irresponsabilità del suo fidanzato, per la pressione sociale delle proteste proprio fuori dalla clinica).

Non sorprende, allora, come per tutti questi motivi questo personaggio abbia sedotto pubblico e critica e si sia imposto come uno dei più profondi degli ultimi anni, e vada a coronare una carriera (che non è ancora finita!) di una grande attrice e comica americana come Lily Tomlin.

Pro

Contro

Scroll To Top