Home > Recensioni > Rossopiceno: Come Cambia Il Vento
  • Rossopiceno: Come Cambia Il Vento

    Rossopiceno

    Data di uscita: 03-10-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Ascoli rossa

Non ci vuole un genio per capire l’orientamento politico di un gruppo che si chiama Rossopiceno e che frequenta i Modena City Ramblers, Bandabardò, Marino Severini (Gang) e Ascanio Celestini. Ci vuole più cura, però, nel valutarne il secondo album, “Come Cambia Il Vento”.

La band folk-rock marchigiana (gente di Ascoli Piceno) torna alla ribalta con testi forti che illustrano una realtà italiana impossibile da negare: disoccupazione, caste, verità storiche. L’alternarsi di forme più ritmate- di cui la canzone da combattimento “C’Era” è l’esempio migliore- e di ballate placide fa sì che la grande varietà di strumenti possa sfilare in maniera piacevole.
A prevalere è il contrasto tra rabbia e speranza.

I violini, la fisarmonica, il flauto traverso collocano l’ascoltatore in paesaggi irlandesi, come la lezione dei Modena City Ramblers ci ricorda sempre; le liriche, invece, riportano il fuoco nella penisola da cui provengono tutti gli artisti che hanno partecipato all’LP.
Un lavoro degno di nota, soprattutto se si pensa che vi ci sono cimentati perlopiù “ventenni in cerca di qualcosa in cui credere e sul quale mettere la propria faccia”.

Pro

Contro

Scroll To Top