Home > Recensioni > Roulette Cinese: Ibridomeccanico

Correlati

Elettronica dal cuore pop

Seconda prova discografica per i Roulette Cinese, band piemontese il cui nome è liberamente mutuato dal lungometraggio del regista tedesco Rainer Werner Fassbinder.

Assimilate con dovizia e impegno le lezioni impartite da gruppi quali Subsonica, Bluvertigo e Depeche Mode, i Roulette Cinese propongono un elettropop sinuoso e sofisticato, mescolando sapientemente elementi tipici dell’elettronica con sprazzi di pop che rendono i pezzi alla portata di un pubblico eterogeneo e trasversale.

L’album è contaminato da atmosfere surreali dai colori foschi, che ben riproducono le ambientazioni inquietanti dei romanzi di P.K. Dick, a cui gli artisti si sono ispirati. Il viaggio ha inizio con l’opener “Ibridomeccanico” caratterizzato da suoni lugubri e meccanici, atti a ricreare un ché di inquietante e affascinante al tempo stesso. Segue l’incisiva “Love Song”, traccia estratta dal primo album del trio torinese “Che Fine Ha Fatto Baby Love?” e rielaborata in chiave elettropop con la partecipazione di Francesca Cola. [PAGEBREAK] Tra i nove pezzi che compongono “Ibridomeccanico”, trova inaspettatamente posto anche la ballata – che strizza sempre un occhio all’elettronica – “Exit”, rifacimento del brano di Fausto Rossi, artista culto nell’ambiente meneghino.

Ma il ritmo si fa nuovamente adrenalinico e vorticoso con “Un Oscuro Scrutare”: suoni sintetici, bassi amplificati e irrefrenabile bisogno di muoversi e seguire il ritmo liquido e magnetico. Chiude un altro tributo al pluriosannato autore P.K. Dick: il brano “Kid C” è infatti liberamente tratto dal suo romanzo “Ubik”. Una chiusura asciutta e pungente, che si regge sulla lettura vocale delle sole frasi che iniziano con la lettera “C”.

Rivelazione della scena elettropop italiana, e lucida testimonianza di talento e originalità, con attenzione per le dimensioni più sperimentali e d’avanguardia, e per i testi solo apparentemente freddi, ma che in realtà si aprono a molteplici chiavi di lettura. Questo è, se vi pare. E francamente, non ci pare poco.

Scroll To Top