rubriche

 
Steel Rain: (Certe volte dovrebbe) Piovere per sempre 08/03/2012
Steel Rain: (Certe volte dovrebbe) Piovere per sempre
988 letture
Promospace
  • Stampa
  • Invia ad un amico
  • Condividi in rete
Questo articolo mi piace non mi piace

Molte band in Italia suonano il genere musicale degli Steel Rain, ma non tutte lo sanno fare così come lo sanno fare loro.

Due sono i fattori evidenti: l'ottima produzione e la mescolanza armoniosa degli strumenti, che contribuiscono a creare un insieme piacevole senza prevaricare l'uno sull'altro.

Prima di tutto, però, le presentazioni. La band si forma a Torino nel 2006 e si fa conoscere a livello locale suonando in diversi club e facendo da opener, nel 2008, ai Melody Fall. Nel 2011 registrano il primo EP omonimo, e intanto si danno anche al cinema, dato che vengono scelti come comparse (guarda caso suonanti!) per "Maschi Contro Femmine" di Fausto Brizzi e come stand di Emile Hirsch nel film di Castellitto "Venuto al Mondo". Da adesso però si dedicheranno completamente alla musica, dato che il primo full-length uscirà nel 2012 e sarà accompagnato da una serie di date, sia in Italia che all'estero.

Ciò che però colpisce più di tutto di questa giovane band è la voce: le tonalità ricordano i Rush della prima era - sì: ho detto proprio "Rush" -, Ralph Scheepers ma soprattutto Edu Falaschi. Infatti, il timbro di Ivan suona graffiante ed evocativo, perfino nei pezzi relativamente più scontati e forse acerbi, come "Here we are". Così come l'intreccio equilibrato e armonioso di chitarre e synth - che ricorda in diversi momenti Ayreon - costituisce un punto di forza degli Steel Rain, che rende pezzi come "Angel's City" e "Zarathustra" una gioia per le orecchie.

Una spruzzata di prog, un passaggio di batteria heavy classico, un riff hard rock. È difficile, sicuramente riduttivo, catalogare la loro musica con un genere ben preciso.

Parafrasando "Frankenstein Junior" e giocando con il nome della band, "potrebbe piovere" è il miglior augurio che possiamo fare gli Steel Rain! Perché sì, una citazione da "Il Corvo" sarebbe decisamente inflazionata.

Line up
Ivan Vacca: voce
Enrico Palumbo: chitarra
Luca Schilirò: tastiera
Gianluca Di Francisca: basso
Marcello Leocani: batteria

Web
Myspace
Facebook
ReverbNation






COMMENTI


Questo articolo mi piace non mi piace

Invia un commento

Se sei iscritto a LoudVision effettua il login.

Altrimenti registrati qui


PROPAGANDA


APPROFONDIMENTI

In questa colonna trovi gli approfondimenti collegati all'articolo che stai leggendo

VIDEO


Steel Rain Angel's City
Guarda a pagina intera

CONNECTION


ARTICOLI SIMILI

Steel Rain

Aggiungi ai tuoi gruppi preferiti
MEDIA
WEB

Ayreon

influenze strumentali

Rush

la voce assomiglia al primo ho detto primo) Geddy Lee

Angra

altre influenze vocali e power metal

chiudi
apri