Home > Rubriche > Eventi > Rumors Festival, Illazioni vocali 2016 a Verona: la conferenza stampa

Rumors Festival, Illazioni vocali 2016 a Verona: la conferenza stampa

Imminente l’inizio del “Rumors Festival: Illazioni Vocali”, rassegna giunta alla quarta edizione ed ospitata nella suggestiva cornice del Teatro Romano di Verona, presentata nella conferenza stampa indetta ieri, 24 maggio 2016, nel Comune di Verona.
Introdotta dal consigliere comunale Antonia Pavesi, la direttrice artistica del Festival Elisabetta Fadini spiega come questa manifestazione nasca con l’intento di “gratificare chi ha fatto la storia dell’arte” con scelte artistiche esclusive e di respiro internazionale. Tre serate con ospiti di altissima qualità, come ha sottolineato Ivano Massignan direttore di Eventi Verona, per i quali ci si attende un importante riscontro di pubblico.

Ad aprire sarà Rufus Wainwright, cantautore e compositore statunitense, poliedrico e sperimentatore, porterà sul palco il suo Intimate Judy in una versione del tutto particolare, dove la musica sarà accompagnata alla lettura di alcuni sonetti di Shakespeare ai quali Wainwright ha dedicato il suo ultimo disco Take All My Loves – Shakespeare Sonnets. Un omaggio che la città di Verona premierà ufficialmente per l’impegno nella diffusione dell’arte e della cultura.

Seguirà Jack Savoretti, un altro cantautore italo-inglese rock/intimista, con il suo “Written in Scars new version”, scelto per il Festival in virtù dei suoi testi particolarmente intensi, modulati dalle sfumature vocali morbide e graffianti allo stesso tempo. Sarà accompagnato alla chitarra da Pedro Vitor Vieira de Souza, al basso John Bird, alle tastiere Henry Bowers-Broadbent, alla batteria Jesper Lind.

P_20160524_125354

Chiuderà lo spettacolo “Come una specie di sorriso” di Neri Marcorè e GnuQuartet, con una scaletta scelta personalmente dall’attore/comico (ora in veste inedita di cantante) delle canzoni di Fabrizio de André, riarrangiate da Stefano Cabrera. Un repertorio con cui è difficile misurarsi ma che promette la spontaneità delle emozioni provocate dai testi di Faber. Membri del Gnuquartet sono Stefano Cabrera (violoncello), Roberto Izzo (violino), Francesca Rapetti (flauto traverso), Raffaele Rabaudengo (viola).

Conclude Elisabetta Fadini dichiarando che il Festival sarà dedicato a tre grandi artisti recentemente scomparsi, David Bowie, Prince, Gianmaria Testa, e mostrando soddisfazione per il successo che il Rumors Festival raccoglie di anno in anno, portando Verona ad un vero e proprio “balzo” in avanti nell’offerta culturale.

Le date:
2 Giugno: RUFUS WAINWRIGHT – “Intimate Judy”
17 Giugno: JACK SAVORETTI – “Written in Scars new version”
18 Giugno: NERI MARCORÈ e GNUQUARTET – “Come una specie di sorriso”

Scroll To Top