Home > Recensioni > Rumpelstiltskin Grinder: Living For Death, Destroying The Rest
  • Rumpelstiltskin Grinder: Living For Death, Destroying The Rest

    Rumpelstiltskin Grinder

    Data di uscita: 29-01-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Mazzate sonore gratuite

I Rumpelstiltskin Grinder sono un misconosciuto gruppo thrash-hardcore dalle liriche intrise di un insano humor, formatosi nel 2002 in quel di Philadelphia, negli Stati Uniti. Hanno all’attivo un altro full-length, un live (intitolato “Raped By Bears”!) ed alcuni EP. Sul perché siano misconosciuti la critica è concorde: sono abbastanza inutili.

Intendiamoci: la loro proposta musicale, eseguita ad un eccellente livello tecnico da musicisti senza dubbio capaci, offre un velocissimo thrash di marca propriamente ottantiana, tipo primissimi Anthrax o Kreator, col cantato mezzo sputato mezzo ringhiato. Menzione d’onore per gli assoli e per gli stacchi, assai incisivi. La copertina del disco, così eccessiva, richiama a sua volta certa musica di quella decade. Difficile per un ascoltatore senza il cuore saldamente ancorato a tali sonorità, terribilmente oldies, attribuire a questa musica un ruolo che non sia al massimo di sottofondo. Il valore aggiunto è del tutto assente, al punto che le dieci tracce del disco non inducono neanche al pogo festante che è forse alla base delle motivazioni della band.

Da qualche tempo a questa parte, la linea editoriale della Relapse Records non è chiara, ma è evidentemente deludente.

Scroll To Top