Home > Recensioni > Sadorass: Strenght And Wisdom
  • Sadorass: Strenght And Wisdom

    Sadorass

    Loudvision:
    Lettori:

Il Gran Titano dell’Emisfero del Nord

Giunge alla quinta release il solo-project del Gran Titano dell’Emisfero del Nord, meglio conosciuto come Sadorass, ed è una quinta release che sottolinea nuovamente l’attitudine “hateful black metal” di questo personaggio solitario. “Strength And Wisdom” è infatti un disco grezzo, freddo, senza compromessi, progenie dei capostipiti norvegesi dei primi anni ’90 (Darkthrone, Gorgoroth, Emperor, Immortal, ecc.) e i più giovani seguaci del black metal storceranno il naso nell’ascoltare un simile “affronto” fatto di drum-machine artigianale e di chitarre ruvide come carta vetro, abituati ad estasiarsi per le superproduzioni dei Dimmu Borgir o dei Cradle Of Filth. Ma questo capitolo, sporco e antipatinato, è l’essenza reale del genere di cui è figlio, strutturato su un’alternanza di tempi veloci e brani più cadenzati con un songwriting di buon livello come “The Universal Order”, “The Illusory Discrepancy Of Life”, “Hyperborean Slavery” ed “Eternal Terror” insegnano. Nella versione “cd” c’è anche spazio per quattro bonus-song (tra le quali la meravigliosa “The Haunted Forest”) che ripercorrono i lavori targati Sadorass dal ’96 ad oggi, mentre su quella “Lp” si trovano ulteriori pezzi aggiuntivi. Disco per i fan del genere.

Scroll To Top