Home > Recensioni > Sakee Sed: Bacco EP
  • Sakee Sed: Bacco EP

    Sakee Sed

    Loudvision:
    Lettori:

Questi due bergamaschi ci sanno fare eccome

Dopo l’esordio “Alle Basi Della Roncola”, i bergamaschi Sakee Sed danno alle stampe un EP intitolato “Bacco”, molto vicino nelle sonorità al predecessore. Grande minimalismo in queste cinque tracce per nulla banali, testi molto sperimentali e richiami ad altri bergamaschi doc, i Verdena, soprattutto in “Oggi” (sembra una ballad uscita da “Solo Un Grande Sasso”). Cinque brani di diverso genere, che strizzano gli occhi allo stoner-rock dei Queens Of The Stone Age, ai Beatles del loro periodo più allucinato e psichedelico fino al rock dei toscani Zen Circus. Un buon EP, che non aggiunge né toglie nulla alla loro carriera. Conferma quanto di buono fatto ascoltare col loro debutto, e al giorno d’oggi è tanto.

“Bacco”, opening-track, è un piacevole mix tra i Queens The Stone Age di “No One Knows” e gli Hoosiers, ovvero come unire il diavolo e l’acqua santa. Rock’n’roll spensierato e allegro. Bellissima “Oggi”, migliore pezzo tra i cinque. Ballad beatlesiana molto psichedelica, riflessiva ed intimistica. Nel complesso questo è un EP importante per il duo lombardo soprattutto perché certifica una certa maturità, acquisita con l’esperienza e col passare del tempo a suonare insieme. L’accoppiata “Oggi”-”Repetita Iuvant”, consecutive nella tracklist, fanno quasi dispiacere che alla fine del disco manchi solo un altro brano. Ci sono tutte le premesse per un vero e proprio secondo album di buona fattura.

Pro

Contro

Scroll To Top