Home > Recensioni > Saluti Da Saturno: Valdazze

Salutiamo il capitano. Andiamo a Valdazze.

I viaggi musicali dei Saluti Da Saturno tracciano strade in discesa, i cui orizzonti si stagliano in superfici nitide e delicate. E noi attendevamo per porger loro il nostro bertonati col fazzolettino ricamato d’attesa.

A nemmeno due anni da “Parlare Con Anna”, Mirco Mariani, Bruno Orioli e Marcello Monduzzi approdano a Valdazze, località della provincia aretina sorta nel 1964 per diventare villaggio dei cantanti. Il progetto, miseramente fallito, viene metaforicamente rievocato dai Saluti Da Saturno grazie a tredici eleganti composizioni che richiamano il pop d’autore e si distaccano definitivamente dal capitano Capossela, pur non dimenticandone le influenze.

“Valdazze” è un villaggio completamente autonomo e autogovernato. C’è l’amore delicato di “(La Bocca Tua)” e “Tra Noi” e la pausa dalla vita quotidiana di “Cinema”. Nella title-track e in “Frammenti Di Notte” dall’andamento più marcatamente caposseliano, i tre musicisti rivelano un’attitudine al rinnovamento di strutture musicali già canonizzate. Chi ascolta avrà voglia di recarsi a Valdazze. E di fermarsi, magari.

Pro

Contro

Scroll To Top