Home > Recensioni > Sandalinas: Fly To The Sun
  • Sandalinas: Fly To The Sun

    Sandalinas

    Data di uscita: 18-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

I soliti noti

È certo che l’heavy metal melodico è e rimarrà sempre un ambito dove la tentazione di ricorrere a cliché triti e ritriti non morirà mai. Certo è anche che nel suddetto settore si accorpano un numero impressionante di uscite sì gradevoli, ma obiettivamente inconcludenti. Ecco, “Fly To The Sun” si conquista il piccolo merito di essere eletto a primattore di queste ultime. Il meglio della mediocrità insomma. Se tutto questo dovesse suonare troppo penalizzante, che non sfugga il brio e la piacevolezza dell’ascolto di molte delle tracce proposte, a partire dalla title track per finire proprio con l’ultima “Seasons In The Sand”. Se nemmeno questo dovesse bastare a convincervi che un ascolto, la seconda fatica dello spagnolo Jordi Sandalinas, se lo merita, potrebbero farvi cambiare idea le guest appearance di musicisti come Derek Sherinian, Chris Caffery, Mick Cervino e Patrick Johansson, senza poi dimenticare la presenza stabile in lineup di Rick Altzi. Tutto questo però non cambierà il destino di un disco mediamente ispirato, leggero all’ascolto ma terribilmente conforme per caratteristiche al “generico disco heavy metal”. Prodotti tecnicamente qualitativi come questo necessitano forzatamente di un quid creativo che li tiri su dalle sabbie mobili. Il quid però non abita qui.
Il migliore di quelli senza infamia e senza lode.

Scroll To Top