Home > Rubriche > Eventi > Sanremo 2017: le Nuove Proposte e le Cover, il racconto della terza serata

Sanremo 2017: le Nuove Proposte e le Cover, il racconto della terza serata

E anche la terza puntata del 67° Festival di Sanremo è andata. Come Carlo Conti stesso aveva annunciato, la serata probabilmente era tra le più più attese della kermesse. Quattro le nuove proposte anche ieri sera.

Apre la gara Maldestro, cantautore davvero superbo che con la sua Canzone per Federica, piccola poesia contemporanea  che ritrae la storia vera di una ragazza che tra mille vicissitudini sogna di diventare attrice, conquista e convince totalmente. Segue il giovane Tommaso Pini,  terzo posto a the Voice 2014 canta Cose che danno ansia, anche se l’ansia ce l’ha fatta venire proprio lui.

Prosegue Valeria Farinacci con Insieme, canzone melodica terribilmente banale, scritta  da Giuseppe Anastasi, lo stesso autore di Sincerità e Controvento. Chiude Lele, volto già conosciuto alla stra maggioranza delle teenagers grazie talent di Amici, che interpreta la sua Ora mai. Dopo pochi minuti di attesa ecco che si aggiungono ai finalisti di ieri, Francesco Guasti e Leonardo Lamacchia i giovani Maldestro e Lele. 

Il Festival di Sanremo comincia ufficialmente con l’ingresso del Piccolo Coro Dell’Antoniano che direttamente dallo Zecchino D’Oro presentano il loro simpatico medley su cui non non credo ci sia bisogno di soffermarsi

Dopo un leggero siparietto Conti-  De Filippi veniamo finalmente alle vere protagoniste della terza serata di Sanremo, le cover.

La prima artista in gara è Chiara, che sceglie Diamante di Zucchero, delicata ma decisamente insipida.

Affascinante, malinconica ed espressiva invece è la performance di Ermal Meta che canta Amara Terra Mia di Domenico Modugno. Segue Lodovica Comello con uno dei cavalli di battaglia di Mina, Le Mille Bolle Blu,  che lei rivisita in chiave decisamene pop e azzardando una pseudo coreografia.

E’ la volta del solito Al Bano con Pregherò di Don Backy.

Tutti Cantano Sanremo: a salire sul palco ligure è l’ostetrica Maria Pollacci, che ha fatto nascere ben 7.642 bambini.  Ed ecco finalmente il fatidico momento alla C’è posta per te, la forte dose emozionale ci arriva dall’orchestra paraguayana La Orquesta Reciclados De Cateura, che con semplici strumenti dalla spazzatura si esibisce con Libertango.

Entra in scena Fiorella Mannoia con la sua personalissima ma non proprio azzeccata versione di Sempre E Per Sempre di Francesco De Gregori

La Copertina di Maurizio Crozza torna anche stasera, stavolta nelle vesti di papa Francesco, regala al pubblico qualche piccolo istante di puro divertimento.

Al giovane Alessio Bernabei è affidata Un Giorno Credi di Edoardo Bennato che lascia del tutto indifferenti, al contrario invece di Paola Turci che con  Un’Emozione Da Poco di Anna Oxa convince l’intera platea.  Tutto pronto per l’arrivo del primo Ospite internazionale: Mika. 

Partono le prime note di Grace Kelly, Good Guys e Boum Boum Boum e l’omaggo a George Michael, con il brano Jesus To A Child.

Il secondo momento Tutti Cantano Sanremo è affidato a Mariuccia Bernacchi,  che con i sui  105 anni che accenna ‘Quel Mazzolin Di Fiori‘. Ma si torna alla gara, con Gigi D’Alessio e la sua non commentabile  Immensità di Don Backy.

Francesco Gabbani presenta Susanna di Adriano Celentano. 

Finalmente spazio a due meravigliosi attori del cinema italiano, Alessandro Gassman e Marco Giallini. che prima promuovono il loro ultimo film ‘Beata Ignoranza‘ e poi annunciano il prossimo big in gara: si  Marco Masini, che porta sul palco  un’emozionante Signor Tenente dell’amico scomparso Giorgio Faletti.

Se Tu Non Torni di Miguel Bosè è il brano scelto da Michele Zarrillo, mentre Quando Finisce Un Amore di Riccardo Cocciante  tocca a Elodie.

Ed ecco che siamo giunti al momento più anonimo della serata, con l’ingresso di Annabelle Belmondo, nipote di Jean Paul, e Anouchka Delon, figlia di Alain.

Dopo l’interruzione delle due fanciulle  entra in scena Samuel con la voce giusta  per cantare Ho Difeso Il Mio Amore dei Nomadi. 

Un energico Sergio Sylvestre accompagnato dai  Soul System, gli  ultimi vincitori di X Factor, prova a cantare  la solita hit Vorrei La Pelle Nera.

E’ il momento di un’altra meravigliosa opera cantautoriale del principe Francesco De Gregori con la sua  Leva Calcistica del‘68 interpretata adeguatamente da Fabrizio Moro

L’ultima cover è  quella di Michele Bravi che conclude la gara sulle note di La Stagione Dell’Amore  di Battiato

L’ intervento comico, che poi così tanto divertente non è stato, è di Luca & Paolo che ritornano al Festival di Sanremo ironizzando prima sull’accoppiata vincente  Conti e  De Filippi, poi colpiscono con  il loro ovvio monologo sulle cose che ci fanno paura.

Gli ultimi artisti a rischio eliminazione, ovvero Ron con  L’Ottava Meraviglia” i Raige e Giulia Luzi con  “Togliamoci La Voglia,  Bianca Atzei con la sua “Ora Esisti Solo Tuo“ Clementino, con “Ragazzi Fuori“,  Giusy Ferreri con la sua “Fa Talmente Male“ e la coppia  Nesli e Alice Paba con  loro brano è “Do Retta A Te, si esibiscono rapidamente.

Eccoci – oseremmo dire finalmente!-  alla premiazione della gara nella gara. Le miglior Cover  2017 sono:  3° posto per Marco Masini, 2° posto per Paola Turci, vince Ermal Meta con la potente Amara Terra Mia. E dovevamo aspettare la fine della puntata anche per gustare forse l’unico vero ospite di stasera, LP che lancia il nuovo singolo “Other People” e ritira il triplo disco di platino per la meravigliosa Lost On You.

In finale Clementino, Bianca Atzei, Giusy Ferreri e Ron, mentre vengono esclusi definitivamente da Sanremo 2017 Nesli e Alice Paba, Raige e Giulia Luzi.

Scroll To Top