Home > Rubriche > Eventi > Sanremo 2020: la finale

Sanremo 2020: la finale

Correlati

La finale del Festival di Sanremo inizia con un elogio all’Arma dei Carabinieri. Cristiana Capotondi ha omaggiato Amadeus con un “pallone speciale” dedicato ai 60 anni della Lega Pro. Complimenti al direttore artistico che rispetto alle altre sere si è lasciato andare, prima in un’imitazione della De Filippi e poi dilettandosi nel canto sulle note di “Un mondo d’amore”. Leo Gasmann ha cantato il brano che l’ha portato sul podio nella categoria Nuove Proposte “Vai bene così” sul Palco dell’Ariston diventando così un vero Big.

Sanremo 2020: in & out delle 23 canzoni in gara

IN

Elodie, Andromeda, VOTO 8
L’abbiamo rivalutata tantissimo rispetto le prime sere. E il merito non è soltanto del look da femme fatale che ha sfoggiato nelle ultimissime serata della kermesse, ma anche della voglia di dimostrare che sotto degli abiti c’è comunque una bella voce.

Diodato, Fai rumore, VOTO 8
Stasera ha perso un po’ di colpi stonando un po’, ma rimane comunque un pezzo da 90 di questo Sanremo.

Irene Grandi, Finalmente io, VOTO 7 E MEZZO
Ritroviamo l’energia a cui eravamo abituati negli anni, ed è finalmente LEI.

Piero Pelù, Gigante, VOTO 8
Il palco si infiamma quando Pelù irrompe sul palco col petto nudo e la scritta “tu sei molto di più”. Il rock vince sempre comunque vada!

Levante, Tikibombom, VOTO 7 E MEZZO
Levante si che è una donna alpha, ha tenuto alto l’orgoglio del gentil sesso durante il festival. Bella rivincita.

Pinguini Tattici Nucleari, Ringo Starr, VOTO 7 E MEZZO
Sono Lo Stato Sociale di quest’anni, pari pari ma non così tanto da arrivare sul podio.

Achille Lauro, Me ne frego, VOTO 8
Il vincitore morale del festival tanto che Fiorello commenta “lui è talmente avanti che sta già a lunedì”. Stasera infatti si è vestito da Elisabetta I Tudor. Grande Achillone!

Junior Cally, No Grazie, VOTO 7
Grande ripresa del rapper partito forse un po’ svantaggiato (e magari scoraggiato) per le polemiche. Stasera si porta a casa un meritato applauso.

Tosca, Ho amato tutto, VOTO 8
Grande donna e artista, quello che rimarrà della sua canzone è l’eleganza della sua voce.

Raphael Gualazzi, Carioca, VOTO 8 E MEZZO
Quando talento buona musica e presenza scenica insieme fanno scintille.

Francesco Gabbani, Viceversa, VOTO 8 E MEZZO
Semplice, naturale ed efficace. Il nuovo Gabbani ci piace.

Rita Pavone, Niente (Resilienza), VOTO 8
L’energia non ha età. Una vera mina vagante.

Le vibrazioni, Dov’è, VOTO 8
Ci è già entrata in testa e canteremo “Dov’è” per i prossimi mesi. Tormentone sanremese.

Anastasio, Rosso di rabbia, VOTO 8
Esplosivo e tagliente come una lama. Anastasio è il King delle rime.

Elettra Lamborghini, Musica (e il resto scompare), VOTO 7

Lei si che è una continua sorpresa. Non avremmo mai puntato sulle sue doti artistiche e invece di artistico non ha solo il lato b. È soltanto l’inizio di una nuova popstar.

Rancore, Eden, VOTO 8 e MEZZO

Il suo flow diretto e schietto lo contraddistingue non solo sul palco dell’Ariston, ma da tanti suoi colleghi che dovrebbero soltanto imparare dalle sue rime. Chapeau!

OUT

Michele Zarrillo, Nell’estasi o nel fango, VOTO 6
Nonostante lo sforzo (che comunque si è visto) di svecchiarsi un po’, Zarrillo è ormai sfiorito.

Enrico Nigiotti, Baciami adesso, VOTO, 6 E MEZZO
Non si è scomposto di una virgola da quando è partito il festival. Le sue performance sono praticamente le stesse e da uno come lui ci si aspetta molto di più. 

Alberto Urso, Il sole ad est, VOTO 6
Il classico esempio del motore di una Ferrari dentro una 500.

Marco Masini, Il confronto, VOTO 6
Di tutti gli artisti in gara, è sicuramente uno di quelli che non lascerà il segno.

Riki, Lo sappiamo entrambi, VOTO 5 E MEZZO
Male male male. Confermiamo quanto detto ieri, non cresce.

Giordana Angi, Come mia madre, VOTO 5
Priva d’interpretazione. Sarà l’emozione che ha giocato male, ma non si è impegnata abbastanza.

Paolo Jannacci, Voglio parlarti adesso, VOTO 6
Era partito quasi a bomba ma poi non è esploso come avremmo voluto. Lo perdoniamo solo perché per noi è un grande artista.

Sanremo 2020: in & out degli ospiti della quinta serata

IN

Cristiana Capotondi presenta la fiction che andrà in onda su Rai Uno “Belle da morire”, che tratta di femminicidio.

Biagio Antonacci, unico ospite canoro della serata, canta il suo nuovo brano “Ti saprò aspettare”, poi parte con il medley “Iris”, “Quanto tempo ancora”, “Liberatemi”. Prendete i fazzoletti.

OUT

Sanremo 2020: i momenti in & out della quinta serata

IN

Per concludere in bellezza Tiziano Ferro canta “Alla mia età” e un medley “Non me lo so spiegare”, “Ed ero contentissimo”, “Per dirti ciao”. Grazie per aver mantenuto alta la glicemia in queste serate.

OUT

Sabrina Salerno che finalmente riesce a cantare “Boys Boys Boys”, in programma due sere fa. E a questo punto ce lo potevano anche risparmiare…

Diletta Leotta canta “Ciuri Ciuri” sulla base di Lose Yourself di Eminem. IMBARAZZANTE

Scroll To Top