Home > Report Live > Scorpions in concerto a Milano, report live e scaletta

Scorpions in concerto a Milano, report live e scaletta

11 novembre 2015. La serata milanese dedicata al tour italiano degli Scorpions, pesi massimi dell’hard rock internazionale da almeno trent’anni a questa parte, comincia con una sbandata. Chiacchiericcio e passaparola rendono chiaro che una folta minoranza del pubblico – soprattutto tra i più giovani – attende l’esibizione dei Gamma Ray con trepidazione pari se non superiore a quella riservata agli headliner. Invece niente: Kai Hansen e compagnia sono bloccati da un guasto in autostrada e la notizia trapela con difficoltà, quando ormai il pubblico è interamente nel palazzetto, biglietto pagato in tasca.

Questo sfortunato accadimento non può però finire sulle spalle dei PlanetHard, scelti come sostituti con chissà quanta fretta e autori di una prestazione che ne mette in risalto la maturità e l’esperienza. Anche l’accoglienza del pubblico è benevola. Brano dopo brano, emergono i tratti distintivi della proposta musicale degli italiani.

Quando tocca agli Scorpions, la puntualità e la prima cosa che si apprezza. Tuttavia, nessuno dei presenti può dirsi davvero preparato di fronte alla prestazione vocale che il frontman, Klaus Meine, metterà in mostra per l’intero concerto. Come può costui aver conservato la capacità di cantare tutte quelle note alte? Incredibile. Tra pose plastiche, sezioni strumentali ad alto tasso di adrenalina e volumi roboanti, non c’è molto spazio per le famose ballad per cui pure la band tedesca è celebre. Esse vengono relegate nei medley, a eccezione di “Still Loving You” e – ovviamente – “Wind Of Change”, il cui testo potrebbe forse suonare stridente alla luce dell’evoluzione politica in Russia dal 1990 a oggi. Ben tre brani eseguiti provengono dall’ultimo lavoro, “Return To Forever” (2015), anche se l’energia primigenia di “Blackout” o “Steamrock Fever” rimane ineguagliata. Il protagonismo esasperato di James Kottak (batteria) e Rudolf Schenker (chitarra) aggiunge ulteriore spettacolo a una prestazione corale che, pur tralasciando svariati classici, premia un pubblico a tratti freddino.

La scaletta degli Scorpions a Milano:

Going Out with a Bang
Make It Real
The Zoo
Coast to Coast (instrumental)
Top of the Bill / Steamrock Fever / Speedy’s Coming / Catch Your Train (medley)
We Built This House
Delicate Dance
Always Somewhere / Eye of the Storm / Send Me an Angel (medley)
Wind of Change
Rock ‘n’ Roll Band
Dynamite
In the Line of Fire
Kottak Attack (drum solo)
Crazy World
Blackout
Big City Nights

Encore:
Still Loving You
Rock You Like a Hurricane

Scroll To Top