Home > Report Live > Scotland Dreaming

Scotland Dreaming

Serata all’insegna della storia scozzese quella di lunedi 04/04/2011 all’Alcatraz dove approdano i Grave Digger orfani dei Gran Magus e dei Sister Sin. Il traffico milanese purtroppo mi permette di arrivare all’evento poco prima dell’esibizione del combo tedesco.
Si suona sul palco bis e la folla è in fremente attesa, pronta ad accoglierli; allo spegnimento delle luci la morte si presenta sul palco suonando la cornamusa e ci si tuffa nella Scottish History.
La scaletta è magistralmente suddivisa dando la sensazione di due concerti separati in uno. La prima parte dedicata interamente a quel gran capolavoro che fu “Tunes Of War” e l’ultimo “The Clans Will Rise Again”; la seconda incentrata sui classici più famosi della loro carriera.

Chris Boltendhal, in kilt, trascina la folla con la sua simpatia e la sua ironia e il pubblico ringrazia urlando a squarciagola sulle note di “Rebellion (The Clans Are Marching)”. Il contorno non passa di certo inosservato con il palco allestisto in clima storico con bandiere su cui svetta alle loro spalle la copertina dell’ultimo lavoro.
Degne di nota sono sicuramente le esecuzioni della splendida “The Ballad Of Mary”, “Morgane Le Fay” e “Knights Of The Cross”. Mastodontica la conclusione lasciata alla grande “Heavy Metal Breakdown”.
Nulla da dire sulla prova dei quattro teutonici che, ancora una volta, hanno dimostrato tutta la loro maturità e professionalità, suonando con il cuore anche per i pochi presenti all’interno dell’Alcatraz. Speriamo di vederli la prossima volta davanti ad un pubblico più numeroso. Se lo meritano.

Paid in Blood
The Dark of the Sun
Hammer of the Scots
The Bruce (The Lion King)
The Ballad of Mary (Queen of Scots)
Highland Farewell
Killing Time
Whom the Gods Love Die Young
Rebellion (The Clans are Marching)
The Gallows Pole
Ballad of a Hangman
Morgane Le Fay
Twilight of the Gods / Circle of Witches / The Grave Dancer / Twilight of the Gods
The Last Supper
Excalibur
Knights of the Cross

Encore:

Hell of Disillusion
The Round Table (Forever)
Heavy Metal Breakdown

Scroll To Top