Home > Rubriche > Eventi > Se il mondo intorno crepa, il western di Stefano Jacurti

Se il mondo intorno crepa, il western di Stefano Jacurti

«Dopo una gestazione neanche lunghissima, dopo nottate di cornetti e caffè mentre Roma dormiva, finalmente tutti i nodi vengono al pettine»: così Stefano Jacurti prende la parola al Nuovo Cinema Aquila per presentare la prima proiezione ufficiale di “Se il mondo intorno crepa“, suo secondo film western girato in Abruzzo e in Almeria e firmato in co-regia con Emiliano Ferrera.

“Se il mondo intorno crepa” è un film di genere che ripropone con coraggio e un pizzico di audacia tematiche d’altri tempi che hanno sempre fatto parte della cultura italiana: un libro trovato per caso conduce lo spettatore nel vecchio West, creando l’atmosfera del grande cinema.

Black Burt è un delirante assassino, Butcher Joe uno spietato psicopatico. Due personaggi diversi, a sangue caldo il primo, tutto nervi il secondo, realizzano il sogno di unire due mondi: il mito del West del passato e il genere country. In una città di ubriachi e prostitute, tra colpi di pistola e colpi di scena, emergono con forza e a tinte forti temi quanto mai attuali: il bisogno della legalità, la lotta degli emarginati, interpretati da protagonisti sorprendenti nella loro storia personale.

La sapiente combinazione di grandi spazi e musiche straordinarie dà potenza all’eterno conflitto tra il bene ed il male, con un effetto domino su tutta la storia.

Jacurti racconta la sua amicizia con Ferrera che si diverte a soprannominare Clint Eastwood, e parla di quando, nel 1995, cominciarono a «giocare a soldatini seriamente ma semplicemente».

Nel dedicare il suo lavoro al padre, lancia infine la scommessa della riscoperta del genere western con l’augurio che questo sia solo l’inizio: «quando si entra nel cinema indipendente bisogna mettersi l’elmetto perché è un altro territorio. Il set è una sorta di campo di battaglia cinematografico. Non nego che ci siano stati momenti di difficoltà, ma quello che è rimasto a me, come uomo e come artista, è un bellissimo ricordo dello spirito di collaborazione di tutti».

Scroll To Top