Home > Recensioni > Sean Rowe: Magic
  • Sean Rowe: Magic

    Sean Rowe

    Data di uscita: 22-02-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Scesa è la sera

Sotto il bandierone a stelle e strisce generi come blues, country e pop si muovono da un punto cardinale all’altro, alla ricerca di nuove commistioni. In uno qualsiasi di questi viaggi si potrebbe incontrare Sean Rowe, musicista proveniente da Troy, nello Stato di New York.

“Magic” è un disco da dopocena, essenziale per ampi tratti nella scelta di sostenersi su voce e chitarra acustica. Può capitare che una bacchetta tenga il tempo, che il pianoforte sia un discreto accompagnatore, che attraverso vocalizzi si cerchi nuova ricchezza per il medesimo strumento principe, la voce umana. Testi un po’ malinconici concedono spiragli, puntualmente seguiti dalla musica, a momenti di maggiore slancio.

“Magic” cerca di fotografare, rigorosamente in color seppia, i frangenti meditativi di una mente stanca ma lucida. Come un tentativo di ricomporre un puzzle sensato dei mezzi pensieri che hanno tentato di distrarci durante il fare quotidiano. Andrebbe affrontato a mente quanto possibile sgombra da troppi pesi. Ma in nessun caso suona stucchevole.

Pro

Contro

Scroll To Top