Home > Report Live > La seconda festa di Cosmo al Fabrique di Milano, report live

La seconda festa di Cosmo al Fabrique di Milano, report live

Il live di Cosmo non è un semplice concerto, è sopratutto una festa, un party no-stop a immagine e somiglianza di Marco Jacopo Bianchi, ex frontman dei Drink to me. Se volessimo esagerare, una specie di rave legale dove migliaia di corpi semi-nudi ballano, si scatenano a tempo della miglior musica elettronica del panorama underground italiano in circolazione.

Tutti me ne parlavano già da tempo con toni entusiasti, e solo ora posso capirne il perché.
Pochi sono gli artisti che riescono a fondere diversi generi musicali, passare da suoni elettronici alla dance al pop cantautoriale più moderno e attuale. E Cosmo riesce perfettamente a sintetizzare tutto questo.

Fresco dell’ultimo progetto musicale, Cosmotronic , l’ ultimo doppio disco di inediti uscito per 42 Records/Believe lo scorso 12 Gennaio 2018, Cosmo sembra davvero essere diventato il Re indiscusso dei club.

La serata di ieri sera, (12 aprile 2018) al Fabrique di Milano, comincia col botto, con il dj set di Enea Pascal, il pubblico del Fabrique, accoglie l’ennesimo sold out di Cosmo con un’assordante entusiasmo, Bianchi non si ferma un secondo, canta, salta, balla e trascina tutti, ma proprio tutti in un’esplosione di coriandoli colorati sparati fin dall’inizio del live.
Così, una dietro l’altra, scorrono le sue canzoni, innegabilmente orecchiabili, da Bentornato, Le Voci (penetranti), alla poetica Dicembre, fino alla hit Sei la Mia città che ti penetra fino nell’intimo aL’ultima festa certificato disco d’oro nel 2016
L’atmomosfera è calda, synth analogici e digitali, percussioni elettroniche e minimal-pop rendono ogni track originale, autentica e fortemente audace tanto da poterlo consacrare come l’idolo indiscusso della club culture tra i più apprezzati della nuova generazione.
Un’esperienza polisensoriale elettronica che si protrae fino a tarda notte con Ivreatronic, l’ambizioso collettivo di artisti e dj di cui anche il nostro Cosmo è protagonista.

Che sia forse l’inizio di una nuova stagione della musica italiana nella scena elettronica europea

( Finalmente! )

 

Scroll To Top