Home > Recensioni > Semetipsum: Bere arte, disegnare musica, ascoltare vino
  • Semetipsum: Bere arte, disegnare musica, ascoltare vino

    Semetipsum

    Loudvision:
    Lettori:

Bere musica, disegnare vino, ascoltare arte

L’8 Maggio 2010 nella cantina di Michele Satta nasce e viene registrato Semetipsum, progetto musicale di due artisti di indiscussa fama quali Harold Budd, pianista americano, maestro del minimalismo e padre dell’ambient music, ed Eraldo Bernocchi.
I due musicisti, affiancati dall’artista Petulia Mattioli, hanno dato vita ad un progetto artistico in cui l’azione sinergica della musica e delle arti visive si mescola e si completa, lasciandoci affascinati e sorpresi.

Un disco dal potenziale artistico immenso, non solo perché sprigiona un connubio magnifico tra musica, foto ed enologia, ma soprattutto per la genialità con cui esprime la convergenza tra la dimensione onirica del pianoforte di Harold Budd, come in un vortice di casualità e necessità, e le vibrazioni ambient create da Bernocchi.

Al tutto si aggiunge il particolare compito affidato a Petulia Mattioli che, riuscendo a catturare in un video le forme ottenute dal movimento del vino sottoposto alla propagazione delle onde sonore, ci ha regalato un quadro dipinto da note che si prestano ad essere ascoltate con gli occhi.

Se la lunghezza e l’omogeneità delle melodie possono sembrare ridondanti, un attento ascolto riesce a farci scoprire le inebrianti suggestioni. Il vino (la verità), la musica (il desiderio) e le immagini (la rappresentazione del reale) si trasformano in un’opera che racchiude la dimensione più intima e vera dell’uomo: quel ”proprio se stesso” che è poi il significato dell’etimo latino di Semetipsum.

Pro

Contro

Scroll To Top