Home > Recensioni > Serpenti: Sottoterra
  • Serpenti: Sottoterra

    Serpenti

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Sinuosi Serpenti strisciano inarrestabili

Serpenti si formano nel 2007 dalla fusione di due grandi passioni per musica rock e dance-elettronica. Le loro sonorità si basano sulla ricerca di soluzioni compositive ballabili e allo stesso tempo ricche di suoni saturi, con lo scopo di mischiare ritmiche molto cadenzate a melodie e riff ipnotici e orecchiabili.
A supporto di Luca Serpenti, già bassista del gruppo Ultraviolet, arriva Gianclaudia “Clou” Franchini che, avendo alle spalle una grande esperienza musicale, sa impreziosire il suono di Serpenti avvalendosi di una voce delicata, ma allo stesso tempo molto personale e carismatica.

Il 30 gennaio 2009 Serpenti esordiranno sul mercato discografico italiano con l’album “Sottoterra”, anticipato dall’EP di remix del singolo “Sinuoso Vortice”, pezzo pulsante e di sicuro impatto masterizzato a Londra da Mike Marsh.
L’album, che contiene 10 tracce (i 2 pezzi dell’EP più 10 inediti), conquista al primo ascolto. Serpenti propongono un sound contagioso, di facile e immediata presa, impreziosito da melodie leggere ma forti allo stesso tempo e da ritmiche vorticose ed epidermiche.

A partire da “Baciami” e da “Se Lascio Perdo”, si innesca una spirale inebriante difficile da domare e a cui è impossibile resistere. E l’apice si raggiunge con “Sinuoso Vortice”, una vera hit che non ci metterà molto a sbancare.
In dirittura di arrivo, dove troviamo “Irraggiungibile” e “Da Sola”, il ritmo non accenna a diminuire, la tensione rimane alta e la voglia di tenere il ritmo pure. E non mancheranno le occasioni per farlo visto che proprio in concomitanza con l’uscita di “Sottoterra”, Serpenti hanno già programmato una serie di esibizioni live per presentare l’album. Il nostro consiglio è di non perderseli.

Scroll To Top