Home > Recensioni > Shakra: Everest
  • Shakra: Everest

    Shakra

    Loudvision:
    Lettori:

Rock on

In questi ultimi anni l’hard rock dalle fedeli sonorità tipo stelle & strisce, sembra definitivamente aver recuperato dal naufragio completo della scorsa decade, e chissà che ulteriori sviluppi modaioli non siano alle porte nei prossimi anni.

Le band in questione sono poche ma buone. Tra di esse, gli Shakra sono rimasti a lungo in sordina, ma a non conoscerli e ad ascoltare l’opener “Ashes To Ashes”, nonché la successiva “Love & Pain” e soprattutto “The Illusion Of Reality”, sale la voglia di dar loro una possibilità, perché l’elettricità è nell’aria. Sono classici pezzi con le chitarre in primo piano sui quattro minuti strofa – ritornello – strofa – ritornello – bridge – ritornello x2, sempre cantabili.

Certo, i cinque di Berna non aggiungono una mezza virgola a quanto già è stato detto in materia, ma come potrebbero? Al massimo certe sonorità possono essere più moderne, novantiane appunto, ma non è possibile modificare un genere che la storia ha già archiviato in forme ben determinate. Si sa, ogni tanto gli Shakra rievocano in particolar modo i vecchi Bon Jovi e la voce del cantante Mark Fox non si discosta molto da quella celebrata del vicino di baita Steve Lee (una bella coppia di nomi che suonano assolutamente svizzeri!) degli irraggiungibili Gotthard.

Purtroppo da dopo “The Journey” in poi il piglio catchy delle prime tracce comincia a scemare, fino a perdersi pian piano nell’anonimato, tant’è che le ultime canzoni sono palesemente dei riempitivi.

Un disco insomma che si attesta ben oltre la sufficienza, anche se oramai è lecito dubitare della possibilità che gli Shakra compiano mai il grande salto di qualità.

Sentire il singolo “Why” di questo disco degli Shakra (che pare in Svizzera tiri di brutto) fa pensare: evabbè, ce n’era bisogno? Ma poi, con l’intero “Everest” che scorre nelle orecchie, l’espressione dell’ascoltatore muta in: però, sanno darci dentro allora! Ammettiamolo: senza la massa delle band di medio livello a scaplitare in poco spazio, i migliori non avrebbero la possibilità di emergere.

Pro

Contro

Scroll To Top