Home > Recensioni > Shelly Johnson Broke My Heart: We Own The Afternoon

Da Rimini un lavoro estivo e divertente

Molti appassionati di Twin Peaks avranno ricordato seduta stante che Shelly Johnson era una protagonista della serie di Lynch e Frost, datata 1990-1991.

Ma il disco dei Shelly Johnson Broke My Heart non ha nulla a che vedere con le atmosfere cupe della serie. Qui ci troviamo davanti ad un lavoro divertente, per nulla introspettivo e molto interessante nelle sonorità. Echi di Julie’s Haircut e Placebo si incrociano in influenze prettamente Dinosaur Jr.. Questi giovani riminesi hanno voluto rendere omaggio all’indie ’90s senza però tralasciare qualche coretto e qualche intemezzo più firendly.

Tracce di shoegaze contribuiscono a rendere più completo un lavoro di ottima fattura.

L’apertura, “Prostitutes”, ha una grinta incredibile, senza però sfociare in un’aggressività eccessiva. Riff incisivi e batteria ben calibrata fanno da apripista a “John K”, breve rock’n’roll tirato che ci riporta ai Placebo dei tempi che furono. “Alamogordo/Rio Rancho/Las Cruces”, titolo alquanto assurdo, è l’episodio migliore del disco. Atmosfere oniriche, con delay e tappeti sonori tipicamente shoegaze unite ad una parte vocale lamentosa e trascinata e all’esplosione conclusiva fanno salire la valutazione finale sul disco, che anche senza questa perla sarebbe stato comunque soddisfacente. Un gruppo interessante che porta idee sane e ispirazioni valide. Speriamo per loro in un futuro positivo.

Pro

Contro

Scroll To Top