Home > Recensioni > Sick Tamburo: Un Giorno Nuovo
  • Sick Tamburo: Un Giorno Nuovo

    La Tempesta Dischi / Mastermusic

    Data di uscita: 13-04-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Un Giorno Nuovo” è il quarto album dei Sick Tamburo, pubblicato il 13 aprile per La Tempesta Dischi.

“Un Giorno Nuovo” è il giorno del cambiamento interiore. È il giorno in cui abbandoniamo il superfluo; allontaniamo ciò che ritenevamo importante, perché in realtà non lo era poi così tanto. È il giorno in cui lasciamo andare tutte le estensioni del nostro ego e comprendiamo l’importanza delle cose semplici. È il giorno in cui il mondo appare per quello che è realmente, senza filtri, senza pregiudizi, senza false convinzioni. Ognuno, ad un certo punto della propria vita, deve aprire gli occhi; soprattutto quando succede qualcosa di grosso. Questo è quello che è successo ai Sick Tamburo e che volevano raccontare in questo album.

Si passa così dall’amore (in tracce come “Sei Il Mio Demone”, “Meno Male Che Ci Sei Tu”), alla consapevolezza che tutto cambia (in “Ad Altro Siamo Pronti”), al timore che qualcuno possa entrare nella nostra vita con prepotenza (in “Con Prepotenza”).

Prodotto da Gian Maria Accusani, l’album vede la partecipazione di Motta, da sempre loro sostenitore, nel brano “Meno Male Che Ci Sei Tu”.

“Un Giorno Nuovo” è di stampo alternative rock, fatta eccezione per “Un Giorno Nuovo”, di stampo indie pop, “Meno Male Che Ci Sei Tu”, con tocchi di rock elettronico e “Ad Altro Siamo Pronti”, tendente alla new wave.

Pro

Contro

Scroll To Top