Home > Recensioni > Skid Row: Rise Of The Damnation Army – United World Rebellion: Chapter Two
  • Skid Row: Rise Of The Damnation Army – United World Rebellion: Chapter Two

    UDR MUSIC / none

    Data di uscita: 05-08-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Le impressioni non cambiano rispetto al primo capitolo: anche il secondo spezzone del “nuovo disco” degli Skid Row – parte due di tre di “United World Rebellion” – è svilito dalla brevità, dalla sensazione di toccata e fuga imposto da appena cinque tracce messe in fila.

Forse che meno brani voglia dire ascolti più approfonditi? Solo in parte, perché le canzoni sono tutto fuorché stra-ordinarie. L’onesta di fondo della proposta è innegabile: vero hard rock americano con suoni puliti e moderni. Il picco di intensità è raggiunto con la velocissima “Damnation Army”, dominata dall’interpretazione sleazy di Johnny Solinger. Neppure l’apertura, affidata a “We Are the Damned”, induce a recriminare, grazie al coro quanto mai “anthemico” e ai riff solidi. Il brano vince facile puntando sui suoni più classici. Qualcosa di interessante si riscontra anche nella tensione lirica che la mezza ballad “Catch Your Fall” sfiora con un dito, ma è poca roba nel complesso dell’Ep.

I membri degli Skid Row si erano premurati di chiarire che “United World Rebellion” non sarebbe stato un disco diviso in tre parti, quanto piuttosto un concept i cui brani sarebbero stati in continuo divenire fino alla pubblicazione. Sarà vero, ma c’è da chiedersi chi si ricorderà di uno di questi Ep da qui a pochi anni.

Pro

Contro

Scroll To Top