Home > Recensioni > Skip The Foreplay: Night Life

Correlati

Skip to the end

I Futureheads cantavano, non troppo tempo fa, “If I could cheat I’d skip to the end”; ma il punto è che noi possiamo skippare quanto vogliamo grazie a quel dio che ha inventato il pulsante con le due freccine che puntano a destra.

Sì, perché la Epitaph stavolta ha cannato abbestia a pubblicare un disco del genere.
Non che Skip The Foreplay non sappiano cosa sia il metalcore, perché lo sanno (ci sembra). Vogliamo mettere però mischiarlo alle basi house con tanto di vocine femminili della serie vocalist che sguazzano nel marasma elettronico di tanto in tanto?
MA ANCHE NO.
Diciamo che per urlare bene urlano bene, ecco.

Pare che questo disco fosse incluso nel pacchetto di “All Or Nothing” dei Pennywise, che tuttavia non c’entrano affatto con le abilitià- meglio chiamarle disabilità- del sestetto di Montreal.
Che poi loro si definiscono persino dubstep, ma dai che il dubstep è ben altro! Non pigliateci per i fondelli.

Pro

Contro

Scroll To Top