Home > Recensioni > The Sleeping Tree: “Painless”
  • The Sleeping Tree: “Painless”

    La Tempesta International / 2roads

    Data di uscita: 05-11-2013

    Loudvision:
    Lettori:

“Painless” è il nuovo lavoro di Giulio Frausin, in arte The Sleeping Tree. Un cognome che tradisce fin da subito le origine friulane di questo artista, che da poco è entrato a far parte della Tempesta International, aggiungendo qualità ad un già ottimo roster. Sono passati ormai sei anni dalla nascita di questo progetto e parallelamente continua la sua carriera come bassista nel gruppo reggae Mellow Mood. Se con quest’ultimi imbraccia il basso e trasmette il ritmo, con The sleeping Tree si può permettere di rallentare e esprimere la parte più intima della sua anima. Dodici canzoni, una voce vellutata e una chitarra suonata in modo delicato, per un repertorio folk che fa riferimento ai grandi maestri americani. Non a caso spicca una “Going Nowhere” tributo al compianto Elliott Smith.

Quanto può essere complessa l’anima di un artista? O forse bisogna proprio essere un’artista per poter essere in grado di scavare così a fondo. Un disco di una bellezza disarmante, semplice e diretto. Ogni canzone presa da sola è una piccola riflessione, la descrizione di episodi quotidiani e delle emozioni legate ad essi. Parla di viaggi, della bellezza dei paesaggi del Sud Italia, dell’importanza dell’amicizia. Raccolte tutte insieme diventano una riflessione sulla vita, una dedica alle cose belle, raccontato con un pizzico di malinconia, ma con la speranza che alla fine andrà bene.

Pro

Contro

Scroll To Top