Home > Recensioni > Sliimy: Paint Your Face
  • Sliimy: Paint Your Face

    Sliimy

    Loudvision:
    Lettori:

Senza impegno

Sliimy ha 20 anni, è nato e vissuto a Saint Etienne-Francia, canta in inglese, è quello che in gergo si definisce un “ragazzo myspace” e ha da poco lanciato il suo album d’esordio “Paint Your Face” sotto etichetta Warner.

Ma chi è Sliimy? E che musica fa? Domande lecite, ma alle quali non risulta così semplice rispondere, perché l’artista in questione è un vero e proprio vulcano di colori, forme, sonorità e stranezze. Tutte le tredici tracce dell’album sono state mixate al Trout Recording Studio di New York da Bryce Goggin, che ha già lavorato sugli album dei Ramones, dei Pavement e sull’ultimo CD di Antony And The Johnson.

Lo scoppiettante singolo “Wake Up” apre le danze in quello che è un crescendo di allegria, spensieratezza e sound pop. Qualche incursione elettro si riscontra nella title-track e una nostalgica vena intimista la si trova in “Mum” e in “See You Again”. Spassosa e cliccatissima (sul web) la versione di “Womanizer” di Britney Spears.

Un mix tra Mika e Lily Allen. Sliimy dimostra di essere un eclettico artista che è riuscito a sfruttare le potenzialità del web e dei social network per emergere e attirare l’attenzione di una grande etichetta. Un sound spensierato e disimpegnato che non ci sentiamo né di promuovere a pieni voti né di bocciare senza riserve. Simpatico, niente di più.

Pro

Contro

Scroll To Top