Home > Report Live > Sludgefeast

Sludgefeast

Ritornano puntuali in Italia, per il tour a sostegno della loro ultima fatica in studio “I Bet On Sky”, i Dinosaur Jr, la storica e seminale rock band statunitense capitanata dal canuto J Mascis.
Come in un candido abbraccio attorniano il palco del Blackout le consuete cascate di amplificatori Marshall pronti a elargire generosamente acufene ed emicranie a tutti i presenti.

Si inizia subito con il botto: “The Lung” dallo storico album “You’re Living Over Me” apre le danze. Gli impavidi delle prime file cominciano fin da subito a rimpiangere la loro sfrontatezza.
Mascis è come al solito ieratico e impassibile, nulla sembra scalfirlo dalla sua solenne pacatezza quando imbraccia la sua inseparabile Fender Jazzmaster, da trent’anni ormai fedelissima macchina di morte e distruzione. Lou Barlow al contrario è il vero motore del gruppo, instancabile, detta i ritmi dei brani con il possente suono del suo basso fangoso e avvolgente, affacciandosi anche più volte al microfono come nella cover dei Deep Wound “Training Ground”.

Tutti i brani vengono accolti con calore dalla nutrita platea romana, anche il materiale più recente di “I Bet On Sky”, ma un’accoglienza particolare viene riservata alla stupenda doppietta “Feel The Pain” e “Little Fury Things”, classici intramontabili del gruppo e veri e propri manifesti del connubio tra melodia e rock di cui è foriera da sempre la band.

Più di un’ora di riffoni e lunghi assoli – J Mascis più invecchia più allunga a dismisura la durata dei suoi assoli chitarristici – suggellati da un encore spertica mani affidato alla rivisitazione di “Just Like Heaven” dei The Cure e all’immancabile “Sludgefeast”, ultima perla d’inaudita potenza.

Insomma, gli anni passano, i chili aumentano, le canizie si accentuano, ma i Dinosaur Jr rimangono sempre quei ragazzotti americani, con le loro t-shirts e i loro amplificatoroni sparati a tutto volume, intenti a mettere in piedi sera dopo sera, anno dopo anno, un sano show rock senza fronzoli, lustrini o paillettes.

The Lung
No Bones
Almost Fare
Budge
Don’t Pretend You Didn’t Know
Watch The Corners
Rude
Out There
Feel The Pain
Little Fury Things
Start Choppin
Traning Ground (Deep Wound cover)
Freak Scene
Gargoyle

Encore:

Just Like Heaven (The Cure cover)
Sludgefeast

Scroll To Top