Home > Recensioni > Snoop Dogg: Doggumentary
  • Snoop Dogg: Doggumentary

    Snoop Dogg

    Loudvision:
    Lettori:

Bitches e dintorni

Eccoci davanti all’undicesimo album in studio di sir Snoop Dogg. Non aspettatevi grandi rivoluzioni musicali, è sempre lo stile stra conosciuto di Snoop, ma come si dice squadra vincente non si cambia, quindi perché richiedere altro?

“Doggumentary” va bene così com’è, con le canzoni che sembrano uscire da “R&G (Rhythm & Gangsta): The Masterpiece”, con i featuring marchettoni dei rapper che sono sulla cresta dell’onda ora (vedi Wiz Khalifa).

Be’ sto per darvi una notizia: Snoop Dogg non ha mai smesso di essere sulla cresta dell’onda.
Cosa c’è da dire se non che è meravigliosamente bello? Ti viene voglia di uscire in abiti oversize dorati, prendere il tuo Hummer con sospensioni idrauliche e passare in rassegna i culi di tutte le tipe che incontri guardandole fisse negli occhi e apostrofandole “Hey bitch wanna get in?”.
La risposta è sempre sì.

Pro

Contro

Scroll To Top