Home > Recensioni > Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts
  • Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts

    Diretto da Steve Martino

    Data di uscita: 05-11-2015

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Era una notte buia e tempestosa. Charles M. Schulz, il creatore della striscia a fumetti dei Peanuts, era morto ormai da quindici anni. Gli eredi decisero che era giunto il momento di dare scandalo e offrire Snoopy e la sua compagnia bella di bambini agli avvoltoi di Hollywood.

La storia, a dispetto delle premesse, non andò a finire poi troppo male: il progetto del film fu affidato ai Blue Sky Studios, capaci di coniugare grassi incassi, scampoli di poesia e genuina arte dell’animazione. Conscia di avere gli occhi di milioni di fanatici addosso, la Blue Sky ha investito gran parte delle sue energie nel trovare la giusta soluzione per tradurre in modelli tridimensionali i tratti amorevoli di Schulz, riuscendo in pieno nell’intento.

Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts” si inserisce nel solco dei precedenti prodotti televisivi basati sulla striscia, ma come quelli serve uno scopo lontano da quella che era la missione del genio di Schulz. Non potendo, né volendo, imitare il creatore originale, da questi prodotti non possiamo aspettarci illuminazioni esistenziali, né battute folgoranti. Il film vuole solo essere un tripudio a uso del pubblico infantile, lasciando agli adulti solo la soddisfazione di cogliere i continui riferimenti all’originale. Ma riferirsi all’originale non basta per ottenere lo stesso effetto.

La storia è inoltre facilmente scomponibile in quattro o cinque episodi autoconclusivi, intervallati dalle fantasie sfrenate di Snoopy con la sua nemesi il Barone Rosso, struttura che tradisce l’incapacità (impossibilità?) di costruire una storia di largo respiro su questi personaggi e forse l’aspirazione a serie televisiva. L’idea di tornare in TV con episodi conclusivi, a pensarci bene, ha più senso che costruire un evento cinematografico che nessuno ha chiesto o, dio non voglia, dei sequel.

Pro

Contro

Scroll To Top