Home > Recensioni > Solar Dawn: Equinoctium
  • Solar Dawn: Equinoctium

    Solar Dawn

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Eredi degli In Flames

Come al solito gli svedesi si distinguono per professionalità, perizia e gusto. Non è una novità, oggi come oggi, che i gruppi provenienti dalla penisola scandinava sappiano suonare sul serio e siano in possesso, tutti e indistintamente, di un’ottima tecnica strumentale di base. Aggiungiamoci anche il fatto che in questo caso il produttore del disco è sua maestà Tommy Tagtgren (presso gli Abyss Studio), ed il gioco è bell’e riuscito. D’accordo, forse anche un novantenne saprebbe sfornare un ottimo prodotto dagli Abyss, ma va anche detto che senza essere musicisti preparati nel panorama odierno si fa ben poca strada. In ogni caso, i Solar Dawn ottengono un risultato soddisfacente in fase di missaggio, nonostante “Equinoctium” non assurga ad album epocale o imperdibile. Death Metal melodico di discreta fattura è quel che ci viene proposto dal combo svedese, scendendo nello specifico una fusione quasi perfetta tra Arch Enemy ed In Flames. Tra le otto tracce e i 35 minuti di durata è dunque la melodia a farla da padrone: si passa da riff tipicamente thrash death ad improvvise aperture armoniche in accordi aperti supportati da clean vocal, da classici tempi death stoppati, a linee polifoniche di chitarra talmente orecchiabili da imprimersi subito nella memoria dell’ascoltatore, il tutto condito dall’esperto tocco del batterista dei blackster svedesi Thy Primordial, Jocke Pettersson. Tra le song più riuscite “Deicidal Beliefs”, “Punished By Silence”, “Deep In Mourning”, “Broken-winged” e “Autumns”. Alla fine dei giochi i Solar Dawn sono un po’ i neocloni dei veterani In Flames, ma di tanto in tanto fa piacere ritornare con lo spirito ed il pensiero ad album storici del calibro di “The Jester Race”, magari riletti attraverso le moderne corde dei pronipoti della band di Gotheborg. Disco consigliato a chiunque voglia ripulirsi le orecchie dal troppo ciarpame in circolazione oggigiorno.

Scroll To Top