Home > Recensioni > Sonny Red: Extent Of Soul
  • Sonny Red: Extent Of Soul

    Sonny Red

    Data di uscita: 01-01-2006

    Loudvision:
    Lettori:

Chi ben comincia…

Bando alle ciance: “Extent Of Soul” è un ottimo album. I Sonny Red, quintetto di Marseille, si presentano al grande pubblico sfornando un disco che prende forma grazie a variegate influenze, che contribuiscono ad arricchire il sound di una band che davvero sa il fatto suo: si passa con scioltezza da assalti moderni alla Mudvayne a momenti sognanti di tooliana memoria, impasto sonoro reso ancora più interessante da un songwriting sempre molto originale e spiazzante (è doveroso un plauso al chitarrista Jerome Point, davvero abile nel creare trame sonore al tempo stesso intricate e d’impatto). La cosa che entusiasma l’ascoltatore è la capacità con cui questi quattro musicisti, oltre alle già citate influenze, riescano ad inserire in ognuna delle composizioni spunti che vanno a pescare da diversi lidi del panorama estremo (Pantera, Meshuggah, Death), oltre a piccole divagazioni progressive sempre ben calibrate, in modo da risultare incalzanti e mai superflue. Insomma, frenando l’innegabile eccitazione e tirando le somme, i Sonny Red sono una band che, pur non nascondendo le proprie preferenze e influenze, hanno la dote di amalgamare il tutto con il proprio stile, tanto da creare una proposta musicale davvero entusiasmante, ben distante da un mero collage di stili. Se, dopo i regali di natale, qualche euro vi è avanzato, non esitate a scommetterlo su di loro.

Scroll To Top