Home > Recensioni > Spanking Hour: Revo(so)lution
  • Spanking Hour: Revo(so)lution

    Spanking Hour

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

L’unica soluzione è la rivoluzione

Gli Spanking Hours nascono nel 2007 dall’incontro di Jonathan Cappa alla chitarra, Nicola Giovati alla batteria e Quinta al basso, completati poi nel 2009 da Franco Campanella alla voce. A settembre 2009 esce una riedizione del loro demo, seguito nel 2010 dalle registrazioni di nuovo materiale che ora compone questo “Revo(so)lution”.

E con il titolo arriva la prima dichiarazione d’intenti della band: l’unica soluzione è la rivoluzione. Per sottolineare il concetto il quartetto ci fa ascoltare un album con radici thrash metal/stoner rock, che strizza l’occhio a Pantera e Kreator, Down e Motorhead. I riff e gli assoli di chitarra passano agevolmente per i vari generi, thrash e stoner in primis, e sono ottimamente sorretti dal lavoro della sezione ritmica potente e dalla voce in classico stile metal.

Questo è il primo lavoro ufficiale della band, ma i quattro musicisti non sono alla loro prima avventura: tutti provengono da varie esperienze nel mondo underground, cosa che fa confluire varie sonorità in questo prodotto finale. L’ottima preparazione tecnica fa di questo “Revo(so)lution” un buon punto di partenza per gli Spanking Hours. Per gli amanti di thrash metal e stoner rock grezzo e puro.

Pro

Contro

Scroll To Top