Home > Recensioni > Sparks: Hippopotamus
  • Sparks: Hippopotamus

    BMG / none

    Data di uscita: 08-09-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

L’8 settembre è uscito Hippopotamus, il nuovo disco degli Sparks prodotto per il gigante BMG. Questa volta i fratelli Mael hanno fatto attendere il loro pubblico un po’ più a lungo del solito (esclusa la parentesi FFS – il supergruppo creato dai Mael insieme ai Franz Ferdinand) – dal rilascio di The Seduction of Ingmar Bergman sono passati ben 8 anni.

Data la risposta molto positiva della critica, pare che con queste 15 tracce nuove racchiuse in Hippopotamus, la band siariuscita a soddisfare l’appetito dei più.
C’è abbondanza di suoni tra synthpop, glam rock, new wave e tanti altri – è un album molto vario – c’è un cabaret-valzer When You’re a French Director, un tocco kitch in Missionary Position, un vibe beatelesco in Scandinavian Design o I Wish You Were Fun e una grande dose della teatralità nei brani come What The Hell Is It This Time?.
Rimane invariato il livello alto dei testi, intelligenti, spiritosi e acidi di Ron Mael e un’altra caratteristica del gruppo – il falsetto di Russel Mael, volutamente imperfetto come in A Little Bit Like Fun e perfettamente completato dalla voce della cantante lirica Rebecca Sjöwall in Life With the Macbeths.

Niente di nuovo, si potrebbe dire, ma il suono degli Sparks ha superato la prova del tempo, nell’attesa che un giorno ci riveleranno il segreto dell’eterna giovinezza.

Tracklist:

1. Probably Nothing
2. Missionary Position
3. Edith Piaf (Said It Better Than Me)
4. Scandinavian Design
5. Giddy Giddy
6. What The Hell Is It This Time?
7. Unaware
8. Hippopotamus
9. Bummer
10. I Wish You Were Fun
11. So Tell Me Mrs. Lincoln Aside From That How Was The Play?
12. When You’re A French Director (featuring Leos Carax)
13. The Amazing Mr. Repeat
14. A Little Bit Like Fun
15. Life With The Macbeths

Pro

Contro

Scroll To Top