Home > Recensioni > Speedjackers: Secularization
  • Speedjackers: Secularization

    Speedjackers

    Data di uscita: 16-03-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Italian style rock’n’roll

Gli Speedjackers sembrano giocare con i riferimenti, facendoli affiorare ma non soffermandosi abbastanza perché i contorni divengano perfettamente definiti. Per di più, i richiami si agganciano a stili musicali, e relativi illustri esponenti, di estrazione differente, dall’hard rock quasi settantiano abbozzato dall’opener “The Road To…” all’hc punk della tradizione italiana messo in mostra su “Il Suo Pensiero”.

In ognuno di questo casi, però, i veneti mantengono una forte personalità e l’annunciata attitudine da strada, che li colloca spesso a metà tra un glamorous scan-rock e un rozzissimo garage. Quasi di estrazione metal, invece, la potenza di un suono pieno e stratificato, grazie anche all’intervento di addirittura tre chitarre. La duttilità è confermata anche dalla forza di un pezzo come il succitato “Il Suo Pensiero”, in cui l’italiano non cede assolutamente il passo di fronte alla globalizzazione linguistica.

Se è buono l’adattamento idiomatico, però, nel cantato si colloca attualmente il maggiore limite del secondo EP degli Speedjackers. L’inglese non sembra abrasivo né affascinante come le aspettative create dai riferimenti musicali, le vocals si pongono perciò in cima alla breve lista di punti chiave attraverso i quali questi ragazzi possono dare una svolta alla propria carriera. Dinamismo e attitudine sono quelli giusti.

Scroll To Top