Home > Recensioni > Steve Senes: De-Evolution Of Theory
  • Steve Senes: De-Evolution Of Theory

    Steve Senes

    Loudvision:
    Lettori:

Il potere della semplicità

Steve Senes, pur con un classico approccio da guitar hero, ha saputo dare al suo solo project l’x-factor della semplicità: una semplicità immediata e melodica, che lo tiene lontano dai tecnicismi barocchi e dalle inutili pirouettes.

Di lui si sa poco: uscito fuori quasi dal nulla, la sua arte ci ha colpito per i suoni puliti e precisi che escono in forma liquida dalla chitarra. L’inglese, ripescando il campionario di Satriani e Vai, spazia con disinvoltura dal rock, al funky, al southern rock, alla fusion, al metal. E, su tutto, appronta un accento vagamente retro.

Il classico album da guitar hero, ma non il classico album da guitar hero. I confini del genere sono perfettamente rispettati, ma la presa sull’ascoltatore è immediata e, anzi, crescente: causa una innegabile capacità di scivolare leggero, senza appesantirsi o stancare. Ottimo il songwriting.

Pro

Contro

Scroll To Top