Home > Recensioni > Stonehearst Asylum

“Stonehearst Asylum” di Brad Anderson,presentato nella sezione Mondo Genere del Festival Internazionale del Film di Roma 2014, è un thriller gotico, basato sul racconto “Il sistema del Dottor Catrame e del Professor Piuma” di Edgar Allan Poe. Gli interpreti principali sono Kate Beckinsale, Jim Sturgess, Ben Kingsley e Michael Caine.

Siamo nel 1899 e si avvicina Natale. Il Dottor Edward Newgate (Jim Sturgess) si è appena laureato a Oxford e raggiunge il manicomio Stonehearst Asylum, per fare il tirocinante. Qui conosce l’ambiguo Dottor Silas Lamb (Ben Kingsley), gestore dell’ospedale, e alcuni strambi pazienti, come “l’orco” e l’affascinate Eliza Graves (Kate Beckinsale). Una sera, il Dottor Newgate sente alcuni strani rumori, provenire dalle segrete del palazzo….

Avevo grandi aspettative per questo lavoro di Brad Anderson, sia per la regia, che per gli attori e non ultimo, il racconto di Poe da cui è tratto. Aspettative in gran parte deluse, per la verità. Il film parte bene e l’ambientazione gotica è subito evidente. Ma la parte migliore è l’ambiguità che il protagonista si trova ad affrontare. Poi però il film scivola nella banalità e al protagonista riesce tutto, perfino le lotte con dei pazzi assassini che lo superano pure in stazza. Non è solo agile e forte, ma anche così un preparato psichiatra (appena uscito dall’università e alla sua prima esperienza lavorativa), da riuscire ad aiutare dei malati e a capirli in pochi minuti.

Il peggio deve ancora venire: con il solo sguardo aiuta un personaggio a reagire ad una violenza! Straordinaria prova attoriale di Ben Kingsley, mentre Kate Beckinsale fa innervosire. Già perchè la bella e brava protagonista della serie “Underworld”, per tutta la durata del film, ha sguardi che vanno dal sexy a quello da innamorata, che non hanno alcun senso visto che è una pazza.

Il film ha un finale logico e coerente, che non lo salva comunque dalla mediocrità. Un vero peccato, viste le potenzialità.

Pro

Contro

Scroll To Top