Home > Recensioni > Story Of Jade: The Damned Next Door
  • Story Of Jade: The Damned Next Door

    Story Of Jade

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Orrore e corrosione

Gli Story Of Jade sono un pastone di anarchia e calcolata brutalità, con un occhio sempre aperto per il metal statunitense.

Il primo disco della band italiana attira l’attenzione per la formula a primo ascolto caotica delle sue dieci tracce. Una sezione ritmica furiosa sostiene due chitarre thrash inclini agli assolini e alle distorsioni, senza dimenticare le parti segaossa. Sulla superficie del calderone si strascica la voce del cantante Bapho Matt, uno scream acido che copre anche le sezioni più melodiche, mostrando quasi il ghigno per la coscienza di essere proprio lui a rendere i brani indigeribili a molte persone.

Il contesto visuale gore calza a pennello e canzoni come “Afterlife Confusion”, “Enemy In Me” e “J.A.D.E.” aspettano solo di essere visti dal vivo.

La band odora di genio e sregolatezza, verrebbe quasi da dire. Un’immagine efficace, la giusta intransigenza e la voglia di mettersi in mostra, di osare quindi, catalizzano in “The Damned Next Door” una corrente di energia che porta con sé anche un po’ aria fresca. Il che va a tutto vantaggio del genere che, nelle sue radici più remote, fu di Death SS e Mercyful Fate.

Pro

Contro

Scroll To Top