Home > Recensioni > Subsonica: 8
  • Subsonica: 8

    Sony Music / none

    Data di uscita: 12-10-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Era il 1996. A Torino nasceva una band, del tutto ignara (forse) di tutto ciò che le sarebbe successo nel vent’annio successivo. Diversi premi e riconoscimenti (Premio Amnesty ItaliaMTV Europe Music AwardItalian Music Awards, tanto per citarne qualcuno), una partecipazione a Sanremo, otto album, tanto amore e tanta devozione da parte del pubblico italiano. Qualche critica, sì, ma quelle fanno parte di ogni percorso, a prescindere da quel che si fa. Quella band si chiamava (e si chiama) Subsonica.

Nel corso degli anni, i componenti si sono cimentati in progetti solisti, oppure con altre band (vedi Samuel ed il suo percorso solista sancito dalla pubblicazione dell’album “Il Codice Della Bellezza” nel 2017, con annessa partecipazione alla sessantasettesima edizione del Festival più conosciuto di Italia con il brano “Vedrai”)… Eppure niente e nessuno è mai riuscito a separarli, almeno non del tutto.

Ed ecco finalmente il loro ritorno sulle scene, dopo una pausa di quattro anni, con l’album “8″ che, neanche a dirlo, è l’ottavo della band. Il nuovo album sì, ma non un album nuovo, anzi… È un ritorno al passato, alle sonorità degli anni ’90. Una “provocazione” (così l’ha definita Massimiliano Casacci), perchè una band che è sempre stata coerente con se stessa si può permettere anche di riappropriarsi di un sound che le è già appartenuto. Basta ascoltare brani come “Fenice” per capire di cosa sto parlando. Chiudendo gli occhi sembra di essere ritornati a vent’anni fa, ai tempi di “In Tutti I Miei Sbagli”. 

Eppure i temi trattati sono comunque molto attuali. Primo tra tutti “Punto Critico”, un ritratto dei giorni nostri. Per non parlare di “Bottiglie Rotte”, che racconta la descrive la difficoltà che si prova nell’ascoltare gli altri, oggi amplificata dalla presenza dei social.

In ogni caso, una cosa è certa. I Subsonica sono riusciti a fare un passo avanti, pur continuando a tenere un piede nel passato. Ed è questa una grande (e rara) qualità.

Pro

Contro

Scroll To Top