Home > Recensioni > Suntiago: SPOP
  • Suntiago: SPOP

    Suntiago

    Data di uscita: 20-04-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il “pop sporco” dei Suntiago

Dopo l’esordio con “12:34″, EP del 2011, la band romana torna con 13 tracce di “pop sporco”, espressione che è citazione di una loro vecchia canzone e che spiega il titolo originale del disco.

Il gruppo è nato nel 2009 dalla fusione di due realtà preesistenti e ora i suoi 4 membri (Giovanni Ciaffoni-chitarra, voce; Stefano Danese -basso; Nahuel Rizzoni -batteria) presentano un cd dallo stile prettamente rock, dove quello classico lascia il passo a influenze britanniche più contemporanee e ritmi pulsanti che evocano sonorità esotiche (richiami all’ Africa,all’ America Latina), per soprendere qua e là con notevolissimi passaggi di chitarra. Testi italiani ma sound che abbraccia luoghi,stili ed epoche diverse.

Da ascoltare, sa sorprendere. Stupisce per l’eclettismo di ogni traccia, senza perdere di vista un’uniformità di base; stupisce per assoli (come in “Linea Sottile”) e conclusioni strumentali inaspettate, dove la chitarra fa da padrone e lascia ammirati: “In Giù” attacca con uno stile che rimanda al gipsy swing e termina con un bellissimo assolo; ugualmente imprevedibile “John Bonham”, che dopo 3 minuti di rock accattivante lascia spuntare 20 secondi di effetti sonori. Infine “Spogliami”, delicata e intima, che sembrerebbe stridere con quel sound sporco e talvolta aggressivo del resto dell’album, eppure si integra benissimo.

Pro

Contro

Scroll To Top