Home > Recensioni > Supernova: Supernova
  • Supernova: Supernova

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 11-01-2012

    Loudvision:
    Lettori:

In astronomia la supernova è un’esplosione stellare, che emette in tempi brevissimi delle quantità incredibili di energia e di luce. In musica Supernova è invece una band, nata ufficialmente nel 2009 come evoluzione di un progetto artistico iniziato nel 2003, a Livorno.

Detto ciò, a uno verrebbe da chiedersi: cosa c’è ad accomunare i due tipi di supernova, quella astronomica con la “s” minuscola e quella musicale con la “S” maiuscola? A mio modesto modo di vedere, almeno due elementi: energia – un sacco di energia – e luminosità. Sono questi, in fondo, i caratteri più evidenti nelle sonorità e nelle attitudini musicali della band livornese, che nel dicembre 2012 ha pubblicato il suo primo, omonimo disco.

A un primo ascolto l’album “Supernova” è ripetitivo, a tratti persino banale. La ricetta di base, in fondo, è la stessa per tutti i brani: la bella voce di Zanni, un gusto rockeggiante nell’esecuzione strumentale, testi decisamente pop e mai, tra l’altro, all’altezza delle musiche. Il carattere individuale di ogni pezzo e la grande cura dedicata agli arrangiamenti emergono soltanto poi. Nel complesso, giocano invece nettamente a favore l’ottima tecnica esecutiva e la grande energia sprigionata da tutte le canzoni.

Pro

Contro

Scroll To Top