Home > Recensioni > Sursumcorda: La Porta Dietro La Cascata
  • Sursumcorda: La Porta Dietro La Cascata

    Sursumcorda

    Loudvision:
    Lettori:

Chi ha paura della poesia?

In alto i cuori. C’è da percorrere un viaggio che vi condurrà presso la porta dietro la cascata.
Un viaggio iniziato tempo fa, quando Giampiero Sanzari e Piero Bruni, fondatori dei Sursumcorda, attraversarono l’Irlanda armati di chitarra e si confrontarono col potere evocativo della musica di quelle terre.

L’atmosfera suggestiva di quei suoni poliedrici si staglia ancora forte nei lavori dei Sursumcorda mescolandosi in “La Porta Dietro La Cascata”, quarto lavoro del quintetto, a visioni oniriche addensate da una poesia in musica che accoglie influenze simboliste e fa ricordare il primo Branduardi.

La porta dietro la cascata è la metafora da ricercare nell’ideale di una bellezza vera, perseguibile solamente “à la mercì du voyage“.

Non tutti gradiranno l’operazione di trasferire i versi in musica, trovandola superata. Eppure l’oggettiva bellezza di testi come “La Bambina Che Schiaccia I Pinoli” la ricchezza armonica e gli interludi strumentali ci pongono di fronte ad un lavoro che merita assoluta attenzione. Un curiosità arricchita dall’apprendere che “La Porta Dietro La Cascata” è solo la prima parte di un doppio CD che comprende nella seconda i “Frattali”, forme geometriche in musica tendenti all’infinito.

Pro

Contro

Scroll To Top