Home > Recensioni > Sweepers: Soli Nel Buio
  • Sweepers: Soli Nel Buio

    Sweepers

    Data di uscita: 01-01-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Psychedelic Rome

I romani Sweepers hanno dato alle stampe questo loro secondo disco “Soli Nel Buio”, dieci tracce movimentate, coinvolgenti e molto, molto rock and roll. Dopo il disco omonimo di sei anni fa, il trio è ancora più energico e grintoso, e torna con un album molto estivo ma poco radio-friendly.

La forza dei brani è l’esecuzione live. L’animo nasce essenzialmente dalla beat-generation tipicamente Sixties, con riff di chitarra e parti strumentali al limite della psichedelia che rese famosi i Grateful Dead o i più recenti Motorpsycho. Canzoni strutturalmente semplici ma interessanti nei testi e nelle musiche. Buon album, molto trascinante.

Brani lineari, tirati, acidi e distorti ma comunque gradevoli. Gradiranno tutti gli amanti della beat generation e tutti gli amanti del rock and roll ani ’60. “Scegli Me” apre il disco e ha una struttura vertiginosa, incalzante che spinge a fare due salti, anche quattro. “Qui Non C’è” è un potente blues con un basso pulsante che la fa da padrone per tutta la durata del brano. La chiusura “Aelita Regina di Marte”, il brano più lungo con oltre 6 minuti di durata, è vicinissima allo space-rock psichedelico degli Hawkwind. Nel panorama italiano questi giovani ragazzi romani potranno fare molta strada, lasciamoli lavorare senza pressioni.

Pro

Contro

Scroll To Top