Home > Recensioni > Syria: Scrivere Al Futuro
  • Syria: Scrivere Al Futuro

    Syria

    Loudvision:
    Lettori:

Ritorno al passato

Che possiamo dire di Syria? Il suo modo di essere e i suoi tatuaggi non hanno mai calpestato il suo approccio alla musica. Fin dagli esordi (1995) la cantante romana ha interpretato al meglio tutto quello che il panorama italiano le poteva offrire.

Con un inzio pop trasformatosi poi in un sound più alternativo, quando nel 2007 suona cover di band italiane meno conosciute, il bagaglio culturale di Syria raggiunge l’apice e defluisce in “Scrivere Al Futuro” dove un ritorno al commerciale è ben architettato con le sonorità più alternative.

Potrebbero essere solo canzonette, ma se credete nella veridicità di un’artista come Syria che ha sembre seguito il cuore, tra alti e bassi, potrete trovare in questa sua ultima fatica un pezzo del vostro mondo.

Scrivere al futuro parlando del passato. La chiave di svolta si trova in queste parole. La maturazione della nostra cantante sboccia come non mai con questa ultima fatica in studio, tutto il resto sono solo chiacchere e opinioni.

Pro

Contro

Scroll To Top