Home > Recensioni > Taran Project: Hjuri Di Hjumari
  • Taran Project: Hjuri Di Hjumari

    Taran Project

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Ragni dappertutto

Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea – due che la musica sanno benissimo cosa sia – decidono nel 2011 che non è troppo tardi per insegnare all’Italia (e non soltanto) la vera lingua della Calabria: la tarantella.

Sì, perché tradizione sul vocabolario non vuol dire rottura di gonadi, in particolar modo se si tratta di gente che ci sa fare con gli strumenti e con la capacità espressiva.

Ecco il motivo per cui i Taranproject ovunque vadano dal vivo riescono a riempire le piazze, e non è che su incisione siano da meno.
C’è la sperimentazione, talmente radicata da creare un cosmopolitismo armonico difficile a reperirsi altrove; c’è il moderno che si tuffa nell’antico.
Attenti ai ragni!

Ci rendiamo conto che la taranta è un genere molto poco mainstream, soprattutto in quest’era tanto dedita alla musica commerciale; eppure, nelle terre ove è impossibile giungere all’età adulta senza che qualcuno ti spinga a muovere le gambe a ritmo di tamburelli e percussioni, Cavallaro e Papandrea continuano a fare successi su successi. E fan bene.

Pro

Contro

Scroll To Top