Home > Recensioni > Tartarughe Ninja
  • Tartarughe Ninja

    Diretto da Jonathan Liebesman

    Data di uscita: 18-09-2014

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Le “Tartarughe Ninja” tornano al cinema: a metterci le mani è il non proprio eccelso Jonathan Liebesman, che (non) ricorderemo per perle quali “Non Aprite Quella Porta – L ‘inizio” o “La furia dei Titani”. A metterci i soldi (e gli steroidi) è l’ormai onnipresente Michael Bay.

Il Clan del Piede, pericolosa organizzazione criminale capeggiata dall’oscuro maestro Shredder, sta mettendo a ferro e fuoco la città di New York. La Giornalista April O’ Neil (Megan Fox),in cerca di uno scoop che le svolti la carriera, comincia ad indagare in proposito.

Scoprirà che ci sono dei misteriosi vigilantes che si oppongono a quest’ escalation criminale: quattro tartarughe adolescenti giganti (frutto di esperimenti genetici), che hanno i nomi dei più importanti personaggi del Rinascimento, e che hanno una vera passione per le arti marziali ed il cibo italiano.

Riusciranno quindi i nostri eroi mutanti, con l’aiuto della loro nuova amica umana, a fermare i diabolici piani del perfido Shredder e della sua terribile organizzazione?

La risposta è abbastanza prevedibile, d’altronde da un plot del genere non ci si può aspettare molto altro. Anche perché “Tartarughe Ninja” è un vero e proprio frullato malriuscito di tutte le pellicole supereroistiche degli ultimi dieci anni.

Se c’è qualcosa da salvare, sono proprio i nostri quattro eroi: animati in maniera impressionante e ben caratterizzati ognuno con la sua diversa personalità — Leonardo il leader, Raffaello il tormentato, Michelangelo il clown, Donatello il nerd — ci regalano momenti davvero spassosi. Ma il concentrarsi esclusivamente sulle quattro tartarughe, trascurando tutto il resto,rende questo “Tartarughe Ninja” un prodotto decisamente sotto la media.

Pro

Contro

Scroll To Top