Home > Recensioni > The Big Pink: Future This
  • The Big Pink: Future This

    The Big Pink

    Loudvision:
    Lettori:

Il grande niente

Succede quasi sempre così: una band fa il primo album, suona fichissima al pubblico – il quale quindi compra cose, diventa fan, vede concerti – e poi arriva al secondo disco. Il test della verità (e della fedeltà per l’audience).
Non vogliamo essere catastrofisti, ma nel nostro caso i The Big Pink hanno preso una cantonata abbastanza visibile – o meglio, udibile.

Ok, il titolo si addice pienamente allo stile adottato dal duo, poggiato pesantemente su un sound pieno di sintetizzatori vecchio stile, linee di basso che fanno tremare le casse e chitarre preferibilmente distorte.

Però diciamolo che le idee languono allo scorrere del tempo.

Siete big fan di Robbie Furze e Milo Cordell? Possiamo capire il vostro stato d’allerta, ma comunque date un ascolto al lavoro dei due, anche solo per verificare se abbiamo detto una cazzata oppure no.
Quando vi dicono “Big Pink” voi rispondete “Do I look like I give a fuck?”? Allora potete passare al prossimo artista.

Pro

Contro

Scroll To Top