Home > Recensioni > The Blast: Cut
  • The Blast: Cut

    The Blast

    Loudvision:
    Lettori:

Un’esplosiva ricerca

Chitarre potenti, batteria che pesta, voce energica. Questi gli ingredienti della musica esplosiva dei Blast (nome forse non scelto a caso), che con “Cut” raggiungono una dimensione più matura e curata rispetto ai primi dischi (tutti disponibili in download gratuito).

Con quello che è il primo lavoro reso disponibile fisicamente, i Blast hanno deciso di dare una nuova dimensione alla propria musica, realizzando un disco nel quale fosse evidente il lato artistico della ricerca musicale. Ricerca che quindi è capace di prendere e di non risultare mai noiosa. Da notare che il gruppo è nato come una parte del collettivo di ricerca “Mad Noises”. La cosa, quindi, presuppone una continua evoluzione.

Tante sfaccettature e tante sperimentazioni diverse che forse, fra cambi di stile e di lingua, vanno a creare un album un po’ troppo frammentato. Anche se avrebbe potuto essere più coeso, il risultato è sicuramente godibile. Sette canzoni nelle quali ognuno può trovare la sua preferita. L’alternanza di italiano e inglese può non risultare gradita a tutti, ma rientrava nel progetto (sicuramente ben curato e definito) della band.

Pro

Contro

Scroll To Top